Piccola fiammiferaia

fiammiferaia
Volevi che la vita ti baciasse,
volevi volteggiare nell’aria,
salire sulle nuvole e
tenere in mano le stelle,
ma ora te ne stai lì seduta
ai margini del mondo.
Il tempo scocca i suoi minuti,
lascia tracce sul tuo volto
e solchi incolmabili dentro.
Visioni opache e trasognate
danzano nei tuoi occhi
e le tue dita tremolanti accendono
uno dopo l’altro i fiammiferi.
Il vento se la prende con loro,
come la vita con te:
cinque ne ricadono senza vita ai tuoi piedi,
ma il sesto ha pietà di te
ed accende la tua pipa da crack.