Snow

Studio i fiocchi di neve che zompettano in maniera irregolare
Giù dalla dimensione alta
Mi stendo sulla terra per farmi ricoprire di bianco
Bevo dai cristalli gelidi
Bisognosa di sferzate energiche
E di stirare le rughe che inaridiscono frantumi di vite disidratate
Disperatamente cerco la vita nel dolore pungente
Per sfuggire dall’apatica lentezza della morte del dolore cronico

Christmas nursery rhymes

marziabortolotto

Filastrocca filastrocca
la neve fiocca fiocca.
Fiocca di forme strane e belle
e le guardan dalla finestra le bambinelle.
Neve neve cade giù
e gli angeli che fan lassù?
Filastrocca, filastrocca:
la neve ancora fiocca.
Filastrocca, filastrocca
il mondo con la neve
si imbianca di un manto lieve lieve.
Spunta un bucaneve:
è timido e infreddolito
e il ballo della neve sembra intenerito:
piroetta lontano da lui
negli angoli del prato più bui.
O pazza filastrocca della neve:
quando smetti di fioccar?

View original post

Solstizio d’inverno

Non possiamo salvarci fino in fondo
xchè
Perché la nostra unica salvezza è la follia
Il tao che portavamo sulle ns spalle
È entrato nelle nostre viscere
Ha partorito la nostra carne e le nostre ossa
Si espande in ogni chakra e in ogni corpo sottile
Fa la nostra natura imperfetta ma completa
Non abbiamo bisogno di altre ancore,
Leghiamoci con nodi indissolubili
A questa verità.
Nascita – morte
Staticità – trasformazione
Inverno di letargo, inverno di parto illuminato

Marzia Bortolotto

http://www.ilsoffiovivo.it/racconti/107-la-coda-della-tartaruga

Letter to a loved one from a lost island

Amore,

lontano lontano esiste uno spiraglio d’inebriante felicità.

In un’isola sperduta dal nome ignoto e dal profumo di estate tropicale

l’alba presta fa dischiudere gli occhi alla vita nuova,

il sole accecante del giorno dona vigore alla speranza più ardita,

il tramonto traboccante di colori ci fa osare

nel prendere e dispensare carezze giocose e delicate,

la notte mormora poesie di sentimenti eterni attraverso il canto dei grilli

e una moltitudine di stelle osserva il profilo dei nostri volti appoggiati sullo stesso guanciale.

Dopo che hai letto questo, dove ti guidano i tuoi passi, dove guardano i tuoi occhi?

Non vuoi raggiungermi, AMORE?

Letter to Orhan

Dear Orhan,

ho lasciato ieri Izmir¹ e già il vuoto mi inghiotte. Vorrei scappare!

Vago come un automa tra le strade di Venezia: sento che sono circondata da passi e voci, da canzoni stonate di gondolieri alticci, ma niente mi riguarda, niente mi sfiora.

La sola cosa che sa toccare la mia anima, il mio corpo e la mia mente è il ricordo di te.

Sei l’essenza del bisogno del niente, il ricordo di una casa baracca e di notti insonni persi l’uno nella braccia dell’altro, l’espressione di un viso che vaga in pensieri a me inaccessibili e le promesse bugiarde di ieri notte proiettate nell’incertezza del futuro.

Ti rivedo a trascinarmi al festival del sufismo di Haci Bektas per assistere alle danze dei dervisci rotanti², tanto quanto a coinvolgermi in un’improbabile danza del ventre all’Halikarnas³ di Bodrum.

Tu che mi chiedi di stirare le tue camice grottesche di fiori e improbabili ghirigori e vuoi sapere perché me la rido mentre mi imbatto in pieghe indisciplinate e irriverenti – certo facile esserlo con un ferro da stiro della preistoria che non conosce ombra di vapor acqueo!

Tu a farmi la lista dei libri di autori turchi che dovrò leggere prima del nostro prossimo viaggio alla scoperta del tuo meraviglioso e contrastato Paese: «La storia di Akabi» di Vartan Pasa, praticamente l’intera opera dell’esiliato Hikmet e «Il libro nero» di Orhan Pamuk.

Tu, vulcano inarrestabile, tu e la tua Reflex, inseparabili, a catturare ogni dove.

Come puoi essere tutte queste cose insieme?

E via a correre sulla tua moto sgangherata, ad imprecare contro una vespa che si scontra con la tua corsa e ti punge ripetutamente. Ti chiedo se senti male e tu, armeggiando con le chiavi della moto per far uscire il veleno, mi rispondi che ti irrita enormemente sprecare il nostro tempo così.

Non so nemmeno dove mi stai portando, ma che importa?

Arriviamo in un paesino della costa di cui non mi ricordo il nome e mi porti in un minuscolo hotel dall’aspetto da postribolo romantico – se mai possa esistere un postribolo romantico – ma io lo vedo così: letto in un’alcova di pietra ornata da drappeggi in tulle rossi, tende sanguigne e portacandele a lanterna che disegnano sagome assurde sui muri e nei nostri occhi divertiti e che tu paragoni al teatro delle ombre dell’impero ottomano.

Dopo una notte turbolenta di tremori inconsulti di candele impazzite e di farfalle che svolazzano sui nostri corpi sudati, il mattino giunge troppo frettoloso.

Il fugace riposo viene interrotto dalla tua voce nel mio orecchio restio:

-Darling, hurry up: we have to go!4

E si riparte fino alla fine del viaggio…….

Ti invio questa lettera con l’intento di farti avere una delle più belle pagine del mio diario: come tu odi perdere tempo e lo rincorri facendo a gara con lui, io odio perdere i frammenti del mio, del nostro tempo. Ti invito, in risposta a questa mia, a scrivermi tutto quello che posso aver dimenticato, ad aggiungere le tue note e le tue postille.

Dove ti rivedrò? Nelle mie memorie a volte allucinate, a volte lucide o a Istanbul? Quando potrò di nuovo toccare la coda dei tuoi lunghi capelli corvini?

Vorrei ritornare in quella dimensione che mi hai regalato ma so che i sogni rimangono sospesi lì in un punto di non ritorno e cercare di riacciuffarli sarebbe come forzare il corso degli eventi.

I rumori di Venezia mi riportano al presente, ma mi basta accarezzare il piccolo pugnale di madreperla appeso al mio collo che mi hai dato ieri per vedere risorgere dall’oblio l’entità delle nostre emozioni che trapassano ogni dove e ogni quando, così come Aladino ha bisogno di sfregare la sua lampada per vedere i suoi desideri materializzarsi.

Siamo due spiriti liberi che vivono in bilico tra cielo e terra, fuoco e acqua, uniti e divisi nel loro bisogno di vivere a mille, ma esistiamo fortemente e non ci perderemo.

¹ Turchia

² Asceti, discepoli di alcune confraternite islamiche, che vivono in mistica povertà, simili ai frati mendicanti cristiani

³ Night-club di fama mondiale fin dal 1979

4 Amore sbrigati: dobbiamo andare

How to Find and Support Trustworthy Journalism

Very helpful!!!! Thank you

Josh Stearns

If you are hungry for news you can trust, journalism that helps you make decisions about your community, reporting that holds power to account, then this is for you. This is my personal advice for people who want to support journalism that matters. It is just a starting point, it is not comprehensive, and it’ll become stronger and more useful if you add your ideas to it. Use the comments to add your list of newsrooms you subscribe to and support.

Now more than ever, it is important to our democracy that we seek out and support good journalism. Every person is going to construct their media diet differently, so any list I create will be incomplete. My goal here is to provide a framework for you to find the news that will challenge, inspire, inform and engage you.

View original post 1,161 more words