Mr. CHRISTHMAS

© 2011-2021 marzia bortolotto all rights reserved

original1

Mr Christhmas, the old man with the silver bart, never passes through the fields of boredom. Fir trees loosing their needles, under the weight of the lights. It still burns, deep down, this glim, trembling in awe of you. Wadding drowns out the heartbeats in the ears of the deaf or was it maybe snow? Come, I am waiting for you Mr. Christhmas! My letter to you is still sealed, there on the table. I am cocooning myself now, in front of the window, immaculate snowflakes, stolen from the countryside adorning my loose air, times of child flowing before my eyes. Come, before the rut catches me! Stumps being consumed in the fireplace, .....me waiting your return, his one. Il Sig. Natale, il vecchio dalla barba argentea non passa mai nei campi della noia. Gli abeti perdono gli aghi sotto il peso delle luci. Arde in fondo ancora questo lume…

View original post 77 more words

Misleading migrations

Speranza coltivata per un tempo indefinito
fa specchio all’impossibilità
di accettare l’inaccettabile,
si dissolve in illusione,
gioca di similitudine
con le bolle di un bimbo
che non ha più infanzia.

Noi, schiacciati in un ingranaggio
di nome ghetto,
davanti al quale si ergono
muri invisibili, fatti di
giudizi affrettati, salari miseri,
risate di scherno.

Noi, anime alienate,
in mezzo a valige sfatte
e progetti infranti.

I sapori si dimenticano
dolorosamente in mezzo agli indigeni.

Fame di sole,
noia di pioggia che picchietta
leggera, ma insistente,
fino a marcire le fibre
di un’esistenza fin troppo lontana.

Black love

​Fottitene del mondo pensavo il giorno
che ti ho incontrato,
e cosí mi sono fatta fottere da te…

Dai tuoi dubbi, dalle tue ombre.

Le catene nelle sabbie mobili
sei tu.

La luna bugiarda getta tentacoli lattiginosi
sei tu.

Affanni ripetuti con pochi spiragli
sei tu.

Piaceri mozzati
siamo noi.

Frenate brusche, impennate bastarde
su un asfalto maldestro.

Pensieri reflui, stagnanti.

Assieme a te ho buttato nella discarica
del ghetto ai confini delle due metropoli,
ho buttato troppi giorni biodegradabili
in un sacchetto pieno di buchi.

Ma io avevo la consuetudine carezzevole
del bello o del dannato giocoso.

Mi ripiglio le mie luci,
i miei cieli tersi,
la nettezza del comprendere
e lascio le tue rigide contorsioni
nel dolore.

Sono venuta a riportarti le tue manette,
le tue chiavi putride di ruggine.

Aprimi!

My puzzle

Pensavo che il mio puzzle potesse avere un senso compiuto,
ma ora l’incertezza mi consuma e deteriora la mia lucidità.
Inespresso, ancora incastrato nei meandri del cuore e dell’anima,
oppure ancora troppo sapientemente celato.
E’ un dialogo di retroversie, di inganni e di sorprese dolorose,
quello dell’anima che gioca nei momenti più imprevedibili a pescare
dall’inconscio i nostri veri pensieri, quelli che cerchiamo invano
di soffocare, ma che poi, all’improvviso, si ribellano e da vittime
diventano persecutori e ,allora, sono loro a soffocarti.
Frammenti inframezzati da momenti di serena unità: li ho visti!
Mi sono guardata e specchiata in uno specchio scheggiato a cui mancano
dei pezzi introvabili o inconfessabili.
Ho visto una grande matrioska, con un sfondo nero ravvivato da macchie
gialle, rosse e arancio.
Mi sono aperta, per trovare all’interno di ogni pezzo una miriade di altri
cocci dai contorni irregolari e pungenti, ma ancora non ho trovato
la forza e il calore del fulcro.
Non so quanto tempo passerà ancora prima di incontrare veramente me.

Sollievo, the black cat

Una collana di fardelli è appesa al mio collo.
Grava su di me.
Non per nulla mi riconosco groviglio di nodi irrisolti.
La banalità mi fa un baffo, la follia gli sberleffi.
La prima mi ha proprio misconosciuta, la seconda mi fa spesso visita.
Quando arriva tocca bere lacrime amare e subire digiuni, tocca cadere.
Chiamo Sollievo, il mio gatto nero, gioca con il mio groviglio-gomitolo, lo sbobina e mi sfila la collana.
Con passo felpato mi cammina intorno formando un cerchio, accende fuochi attorno, perché la pazzia li teme.

How to Find and Support Trustworthy Journalism

Very helpful!!!! Thank you

Josh Stearns

If you are hungry for news you can trust, journalism that helps you make decisions about your community, reporting that holds power to account, then this is for you. This is my personal advice for people who want to support journalism that matters. It is just a starting point, it is not comprehensive, and it’ll become stronger and more useful if you add your ideas to it. Use the comments to add your list of newsrooms you subscribe to and support.

Now more than ever, it is important to our democracy that we seek out and support good journalism. Every person is going to construct their media diet differently, so any list I create will be incomplete. My goal here is to provide a framework for you to find the news that will challenge, inspire, inform and engage you.

View original post 1,161 more words