I COME TO YOU

123615
Dressed in chills and fiery red petals, I come to you once again. Scratched, stabbed by a mad desire and an ineffable converging of spells, I want to retrace that path of alchemy and resurrect that moment, stripped of everything but the overpower of beauty that hurts my eyes in yours. It's all written there, all there, but I can't talk about it, just feel it. Vestita di brividi e petali rosso fuoco, vengo ancora una volta a te. Graffiata, trafitta da un desiderio folle e da un convergere ineffabile di incantesimi, voglio ripercorrere quel sentiero di alchimie e resuscitare quel momento, spogliata di tutto tranne che del prepotere della bellezza che ferisce i miei occhi nei tuoi. E’ tutto scritto lì, tutto lì, ma non so parlarne, solo sentire.

YOU ARE A LONER

images (1)
I see you from behind, 
immersed in your sacred books.
You are a loner, 
like a treasure chest
which rarely opens,
but your eyes tell 
of your generous disorder.
I feel them on me even now
that you are caught up 
in your rituals
and that I just see 
the fragmented black 
of gray in your hair.
You know how to grab the wind 
while I imagine you,
you sink deep roots 
in enchanted gardens,
seize the clouds 
and resonate hidden heartstrings 
to those who have never been able 
to perceive the soul’s movements.
You meet my thirst for knowledge.
This is why I respect 
your uninhabited places.
Your stories enter me 
like a fluid that knows 
every corner of my body 
and opens all doors of pleasure.
Your voice seduces me 
and takes away every dress 
and inhibition with wise slowness.
This is why I am ready to lose you 
and have you right down 
in the deepest soul depth.


Ti vedo di spalle, 
immerso nei tuoi libri sacri.
Tu sei un uomo solitario, 
come uno scrigno
che si apre raramente,
ma i tuoi occhi parlano 
del tuo generoso disordine.
Li sento su di me anche adesso
che sei catturato dai tuoi riti
e che vedo solo il nero frammentato 
di grigio dei tuoi capelli.
Tu sai cogliere il vento 
mentre ti immagino 
e pianti profonde radici 
in giardini incantati,
catturi le nuvole 
e fai risuonare nuove note
a chi non ha mai saputo accorgersi
dei moti dell’anima.
Tu hai le risposte 
alla mia sete di conoscenza.
Per questo rispetto 
i tuoi luoghi disabitati.
I tuoi racconti entrano in me 
come un fluido che conosce
ogni parte di me 
e sa aprire tutte le porte 
del piacere e la tua voce 
mi seduce e mi denuda 
con sapiente lentezza
di ogni abito e remora.
Per questo sono pronta 
a perderti e averti 
fino all’ultima piega dell’anima.

Karmic love

Ti sei insinuato in ogni mio dove, annullando il mio passato e il mio futuro.

Come in una bolla ovattata e lontana dal mondo mi sento, ma è un momento.

Poi tutto torna di nuovo assordante.

Non sono più mia: questa danza impazzita mi domina.

So bene chi sei e chi sei stato.

Io che sento il bisogno di proteggerti,     non ho più scudi da questa tempesta.

Tutto è esploso in tutte le vite.

Nastri di raso rosso, lenzuola nere di seta, catene e nuvole di petali, ombre dense, profumi di sandalo, mani sudate che si intrecciano in lotte rigeneranti,  ninne nanne sussurrate nei dondolii delle culle.

Io che non ho saputo darti il mio amore, ora ti reincontro dagli abissi per togliere il calcare dal mio cuore.