Soledad and the mirror

Le avevano tirato un brutto scherzo quando era venuta al mondo: a partire dal nome.
La solitudine l’aveva perseguitata come tutto ciò che ci andava a braccetto: silenzio, vuoto, nulla, vacuità, assenza.
Cercava di immaginare il volto della madre.
Ma come poteva essere il viso di una stronza che aveva deciso di chiamarla così, quasi a volersi vendicare del fastidio di averla cagata?
Forse lineamenti arcigni e labbra sprezzanti, sottili, a mezza luna con le punte rivolte al rovescio.
I piedi di Soledad giocavano con i minuscoli pesci del mare oscuro, poggiando sulla sabbia nera della Playa de El Bollullu, mentre tra le mani, teneva uno specchio.
Era lì che era stata abbandonata, dentro una cesta, in compagnia di una copia del Doppio ritratto di Giorgione, un trattato sul periodo blu di Picasso, la biografia di Virginia Woolf con  il suo racconto “La signora nello specchio” ed un messaggio che esponeva tre parole in croce attorno al fatto che la bimba si chiamava Soledad.
La Playa del Bollullu, inerpicata in mezzo a rocce vulcaniche e distese di bananeti, non era facilmente accessibile.
Siete liberi di non credere al destino, ma credete almeno all’ineluttabilità del suo!
Per molti anni l’unica compagnia che aveva avuto, oltre a quella della signora muta che l’aveva trovata e adottata, era stata quella degli oggetti che giacevano nella cesta con lei. Era dotata della capacità di sentire il dolore del mondo, assorbiva tutte le emozioni che la circondavano: la sua natura estremamente empatica la faceva apparire costantemente malinconica e catturata da tutto ciò che per gli altri era indefinibile.
Quanto bastava per essere tenuta  a distanza: nessun compagno in carne e ossa, solo amici di carta, che aveva scelto con  la speranza di trovare la risposta al suo graduale scomparire, al farsi via via più sottile, quasi un’ombra, alla frantumazione del suo io nello scontro con l’altrui mondo interiore.
I suoi amici di carta, dicevo:  “Spegni il fuoco della rabbia” di  Thich Nhat Hanh, “Domare la tigre” di Akong Tulku Rinpoche e “I Ching – Il Libro dei Mutamenti”, quello con la significativa prefazione di Jung.
E poi la presenza dello specchio: lei e lo specchio erano un tutt’uno.
Lo teneva in borsa e lo estraeva da lì quando sentiva salire la rabbia: glielo aveva suggerito l’amico Thich Nhat Hanh, nel libro “Spegni il fuoco della rabbia”, appunto.
Si guardava per vedere come la rabbia deformava i suoi lineamenti, si guardava per capirsi e per vedere se esisteva ancora.
Non doveva forse essere libero da ogni inquinamento, lo specchio, allora perché non le restituiva la verità?
Quella mattina, prima di recarsi alla spiaggia delle origini, aveva lanciato le tre monete de I Ching ed il responso dell’oracolo era stato: Esagramma 61, La Verità Interiore che indica la comprensione dello specchio.

Poi si era guardata allo specchio e non si era vista più.
Ma mentre camminava sulla sabbia nera, si tastava e si sentiva.
Io la vedo ora, mentre si recide i polsi con i pezzi dello specchio infranto.
Solo io la vedo, che si immerge e si lascia andare giù nel mare, disperdendo il rosso del sangue sull’acqua.
Ho deciso di non salvarla, di non salvarmi perché ho bisogno di rinascere qui dalle mie origini, ma questa volta non sceglierò il blu, la solitudine, ma il grigio, emblema della noia.

Quanto più forte può apparire al mondo una donna che lo accusa di non divertirla a sufficienza?

Fire

Fuoco che arde ma non trova spazio,
conosce solo la potenza dello scoppio
e viene sedato da un’ondata di inutilità,
di mancanza di energia che smorza più dell’acqua.
Ciò che avvampa non trova più un collocamento,
se non dentro le viscere
e strugge i pensieri che si consumano
in un grigiore di cenere e polvere sottile cancerogena,
che è avvolgente manto e coltre di asfissia.
E, dopo implosioni squassanti,
arriva la corrosione lenta, silente,
come uno stillicidio di piccole dosi
che non lasciano traccia, se non agli occhi
di chi è pronto a cogliere i segni
di un’anima minata dai desideri trasgrediti
dagli assassini e i persecutori
della libertà dell’estro.

To you

A te,
che sei perso in mille pensieri,
con la forza della mente
mando una scatola virtuale
e con la forza del cuore
visualizzo noi: io e te,
uno di fronte all’altro.

Aprila,
guardami,
guardati!
Siamo l’uno lo specchio dell’altro
in questo vortice di riflessioni impregnanti.
La forza di quello che ci unisce è la base di tutto,
devi solo fare spazio per arrivare fino in fondo,
come un soccorritore sul luogo del terremoto,
che scava, scava e ancora scava,
fregandosene del sudore che brucia
e della carne dolorante,
perché lì sotto ci siamo noi!

South

This slideshow requires JavaScript.

I will scrape through every material or abstract prison
to absorb all the heat, the energy of the South,
that for me it is your soul, your original core.

I’m capturing every reflection, every nuance,
every golden straw of the South, of this island away from the world,
of the back of your amber panther eyes.

Blinding white, total white,
absence of everything, total presence,
brightness of light, white of Sicily,
Sidi Bou Said, Mikonos houses,
draw me close to you!

I’m already with you, inside you
part of your light, light of the South ..
.. a frantically running, at times exhausting,
at others inebriating, always towards you, South:
to take a break in your arms,
to learn the waiting, to take a little pinch of fatalism.

 

Passerò attraverso ogni prigione materiale oppure astratta
per assorbire tutto il calore, l’energia del Sud,
che per me è la tua anima, il tuo nucleo originale.

Sto catturando ogni riflesso, ogni sfumatura,
ogni pagliuzza dorata del Sud, di quest’isola lontana dal mondo,
del fondo dei tuoi occhi ambra pantera.

Bianco che acceca, bianco totale,
assenza di tutto, presenza totale,
bianco della luce, bianco delle case di Sicilia,
di Sidi Bou Said, di Mikonos,
attirami verso di te….

Sono già da te, dentro di te,
parte della tua luce, luce del Sud..
..una corsa continua, a tratti senza sosta, spossante,
a tratti inebriante, sempre incontro a te, Sud:
per fermarmi tra le tue braccia,
per imparare l’attesa, per prendere un pizzico di fatalismo.